Unical in testa alle Universiadi del trading

Con una performance dello 0,66% l’Ateneo calabrese è salito sul gradino più alto del podio

Si è conclusa il 2 Dicembre la fase pre-gara delle Universiadi del Trading promosse da Traderlink che ha coinvolto molti atenei italiani. A vincere è stata l’Università della Calabria con una performance dello 0,66% in due settimane di gara, risultato interessante se si considerano i costi di transazione della piattaforma e il capitale assegnato di 500 mila euro. Vincente è stata la scelta di strumenti e mercati su cui operare: dall’azionario, specie Usa, agli indici Dax e Nasdaq, gli studenti hanno usato Volcharts, software volumetrico che ha fornito indicazioni sui trade da realizzare con tassi di successo di oltre il 90%.
Enorme, dunque, è stata la soddisfazione dei ragazzi calabresi, Salvatore, Emanuele, Rebecca, Luigi e Glenda, che seguono ormai da anni il trading e partecipano puntualmente alle varie edizioni della Summer/Winter School organizzata dal prof. Fabio Piluso, professore ordinario di Tecnica di Borsa dell’Unical. Una proposta formativa molto interessante e innovativa, se si considera che l’Unical è l’unica università italiana a fornire questo tipo di formazione così specialistica.
Di anno in anno, a partire dal 2015, i migliori trader nazionali calcano le aule dell’Unical per insegnare a fare trading, con spirito assolutamente gratuito e con l’obiettivo di contribuire al miglioramento dell’educazione finanziaria che vede l’Italia tra gli ultimi Paesi OCSE in questa speciale classifica. E la settimana prossima, esattamente dal 12 al 16 dicembre, partirà l’edizione 2022 della Winter School, dove i ragazzi avranno modo di prepararsi per essere ancor più competitivi in occasione delle Universiadi che partiranno nel mese di Marzo 2023.
《Tengo a precisare che  la Winter e la Summer School del trading e  della finanza rappresentano un evento peculiare dell’Unical, la sola università italiana a offrire questa tipologia di formazione tanto specialistica. Di questo siamo profondamente onorati e miriamo a migliorare i nostri corsi anno dopo anno》, chiosa il Prof. Fabio Piluso. Iniziate allora a tradare, con prudenza, ma senza eccessive paure!