Unicef, Samengo: come sono cambiati i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza in 30 anni

“In Italia vivono circa 10 milioni di bambini e ragazzi sotto i 18 anni di età e a seconda della regione in cui un bambino nasce o cresce avrà maggiori o minori possibilità di vedere realizzati i propri diritti.

Come UNICEF Italia, oggi vogliamo portare l’attenzione sul tema delle disparità regionali e l’impatto che le differenze del livello dei servizi tra le varie zone del nostro paese hanno sui bambini e i giovani. Queste disparità si riscontrano in tutte le regioni italiane. In Calabria ad esempio, secondo i dati ISTAT, nel 2017 il 35,5% delle famiglie erano considerate a rischio di povertà relativa. Qui le persone di minore età in povertà relativa nel 2017 erano il 42,8%, rispetto ad una media nazionale del 21,5%. Addirittura, la percentuale di minorenni a rischio di povertà ed esclusione sociale era del 49,4%, rispetto ad un media nazionale del 32,1%.

Sono dati preoccupanti che ci spingono a voler fare sempre di più e sempre meglio. Come UNICEF Italia, nell’anno in cui celebriamo i trent’anni dall’approvazione della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia, intendiamo collaborare in modo sempre più continuativo con tutte le realtà che possano contribuire a migliorare il benessere dei nostri bambini e costruire alleanze per migliorare la loro vita.”  – ha detto il Presidente dell’UNICEF Italia Francesco Samengo, intervenendo oggi a Catanzaro all’evento organizzato dal Comitato UNICEF di Calabria in collaborazione con ANCI Calabria e Comune di Catanzaro dedicato a “Trent’anni dall’approvazione della Convenzione ONU sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza 1989-2019”.