Una cena solidale per la fondazione “Haciendo Lio”

Presidente della fondazione: Josè Ignacio Bergoglio, nipote di Papa Francesco. Appuntamento alle 20.30 in un noto locale di Acquappesa. Presenti il vicepresidente nazionale di Libera, Davide Pati, e lo stesso don Ennio Stamile, referente regionale di Libera Calabria

Organizzata dall’associazione “San Benedetto Abate” di Cetraro, presieduta da don Ennio Stamile, è in programma domani, venerdì 3 maggio, con inizio alle ore 20,30, presso il ristorante “La Roanda” di Acquappesa, una Cena solidale per la Fondazione argentina “Haciendo Lio”, di Josè Ignacio Bergoglio, nipote di Papa Francesco, e Marina Muro, sua moglie. Saranno, tra gli altri, presenti il vicepresidente nazionale di Libera, Davide Pati, e lo stesso don Ennio Stamile, referente regionale di Libera Calabria. Si tratta di una meritoria iniziativa di beneficenza, il cui ricavato sarà, appunto, destinato alla fondazione istituita da Josè Ignacio Bergoglio, figlio di Maria Elena Bergoglio, sorella dell’attuale Pontefice, una fondazione che è incentrata sull’impegno che lo stesso Josè Ignacio Bergoglio condivide “con molte persone che credono che un mondo più giusto sia possibile”. Fondata nel 2015, la fondazione è, infatti, fortemente impegnata nell’aiutare i poveri in Argentina e nell’offrire programmi per il reinserimento nel mondo lavorativo. Durante la cena, Josè Ignacio Bergoglio e sua moglie Marina Mura si collegheranno con i presenti in videoconferenza. La serata sarà, inoltre, caratterizzata da una Tombolata, il cui primo premio consiste in una pregevole opera del maestro Pietro De Seta, noto pittore, scenografo e docente originario di Cetraro, da tempo residente a Milano, dalla musica dal vivo di Giuseppe Medaglia e da uno spettacolo di Capoeira con il gruppo “Senzala”.

h2>Clelia Rovale