Villa Adelchi, arriva la banca delle ore solidale

La condivisione solidale, da parte dei lavoratori, dei propri riposi e delle ferie in favore di altri colleghi in difficoltà è alla base dell’accordo aziendale sottoscritto in Confindustria Cosenza dalla struttura Villa Adelchi del Gruppo Citrigno e dai dipendenti della residenza sanitaria. Così nasce la Banca Ore Solidale al fine di consentire ai dipendenti con problemi di assistere i figli minori ed i familiari che, per particolari condizioni di salute, necessitino di cure costanti. Nella casa delle imprese di Cosenza, accolti dal vicepresidente di Confindustria Fortunato Amarelli, la condivisione tra i massimi rappresentanti del mondo del lavoro, premia la politica aziendale del Gruppo Citrigno “Uniti si Vince”. L’accordo, il primo nel suo genere nel mezzogiorno d’Italia, è stato sottoscritto da Alfredo Citrigno, presidente del Gruppo e titolare della struttura sanitaria Villa Adelchi, con il supporto ed alla presenza del responsabile delle Relazioni Industriali di Confindustria Pierpaolo Mottola, che ne ha illustrato gli aspetti tecnici, e delle rappresentanze sindacali aziendali dei lavoratori. Sono intervenuti i rappresentanti istituzionali sul territorio Alessandra Baffa Trasci (Inail), Carla Lombardi (Ispettorato del lavoro),Emilia Bruni (Inps) i quali hanno sottolineato il valore dell’iniziativa che può costituire un volano di crescita per la Calabria, il sindaco di Longobardi, Giacinto Mannarino, ha evidenziato il valore della struttura sanitaria, per il territorio, quale precursore in Calabria di un percorso di crescita socio-culturale. Presenti anche i direttori sanitari delle strutture Centro Clinico San Vitaliano di Catanzaro Bonaventura Lazzaro e di Villa Adelchi Giuseppe Mancuso – che sono stati i testimoni della grande attenzione profusa dalla proprietà verso i lavoratori.
“Facendo nostra la situazione di disagio vissuta da una nostra dipendente – dichiara Alfredo Citrigno – abbiamo ritenuto importante dar vita all’accordo aziendale che sposa il nostro modo di fare sanità con dedizione oltre le cure. Mi auguro che questa strada possa essere intrapresa anche da altre realtà”. “Il protocollo d’intesa – dichiara Fortunato Amarelli, – pone al centro dell’attenzione la tutela della dignità della persona e delle risorse umane, vero e proprio patrimonio di ciascuna azienda. Villa Adelchi attraverso la proprietà, ad ulteriore conferma dell’attenzione verso il proprio personale, contribuirà ad un incremento di quanto messo a disposizione in maniera solidale dai lavoratori stessi, riconoscendo in misura variabile per ciascun lavoratore beneficiario un numero di ore aggiuntive. Grande soddisfazione è stata espressa dagli stessi lavoratori, presenti in gran numero all’incontro, vista l’esigenza sempre maggiore di rafforzare gli strumenti di tutela delle condizioni di salute e del benessere aziendale in senso ampio. Grande emozione ha suscitato la lettera di una dipendente di Villa Adelchi, dalla cui storia è partito tutto ciò, che ha voluto far giungere ai presenti il proprio messaggio di forza e l’apprezzamento all’iniziativa.