Yacht affonda nel golfo di Squillace, occupanti salvati da Guardia costiera

Il natante di 40 metri ha imbarcato acqua a circa 9 miglia marine dalle coste di Catanzaro Marina. Un'inchiesta sarà avviata per accertare i motivi dell'affondamento.

Uno yacht, il “Saga” di circa 40 metri di lunghezza, è affondato verso le 13 nel golfo di Squillace, a circa 9 miglia marine dalle coste di Catanzaro Marina. Il natante, battente bandiera delle Cayman Island, ma con equipaggio italiano, era in navigazione da Gallipoli a Milazzo. Gli occupanti sono stati tutti tratti in salvo.
La notte scorsa, la Sala operativa della Capitaneria di porto di Crotone è stata chiamata dal comando di bordo che ha segnalava che la nave imbarcava acqua da poppa. In zona è stato inviato un pattugliatore romeno, in servizio per conto dell’agenzia Frontex, e la motovedetta CP 321 da Crotone. I primi quattro passeggeri e un membro dell’equipaggio, sono stati messi in sicurezza nell’immediato sul pattugliatore romeno e successivamente trasbordati sulla motovedette e condotti in porto a Catanzaro Marina, mentre la società armatrice ha contattato una ditta di rimorchio crotonese per tentare il recupero dell’unità.
All’alba è arrivato il rimorchiatore Alessandro secondo di Crotone che ha iniziato a trainare il Saga verso Crotone, l’unico porto ove la nave sarebbe potuta entrare, prendendo a bordo altri quattro membri dell’equipaggio, tra cui il comandante. Ma la situazione è peggiorata a causa delle condizioni meteo e della costante inclinazione dello yacht. Tanto che è apparso improponibile arrivare sino a Crotone e l’unica possibilità di salvarlo è risultata essere lo spiaggiamento.
Malgrado l’impegno, però, l’acqua ha invaso lo scafo per cui si è reso necessario mollare l’unità che è affondata in brevissimo tempo. Il personale marittimo del Saga che si trovava a bordo del rimorchiatore, è stato trasbordato sulla motovedetta Cp 321 per essere condotto a Catanzaro Marina. Un’inchiesta sarà avviata per accertare i motivi dell’affondamento.