Il Covid morde, 4 morti in poche ore all’Annunziata (di cui 3 vaccinati ma con gravi patologie)

Tra questi anche un giornalista de "il Quotidiano del Sud"

Morde come nei giorni peggiori il Covid all’interno dell’ospedale dell’Annunziata di Cosenza, per di più con le criticità che l’ispezione congiunta Nas-ministero ha evidenziato in termini di sicurezza e percorsi separati o non separati del tutto.
Nelle ultime ore si sono registrati 4 decessi, tutti compresi tra i 58 anni e i 70 (tra questi anche un giornalista de “il Quotidiano del Sud”, Savoia). Su 4 decessi ben 3 erano vaccinati con doppia dose ma con gravi patologie pregresse, per cui tecnicamente sono morti con il Covid e non per il Covid. Discorso a parte per il non vaccinato che è invece deceduto senza rappresentare patologie importanti.
In ogni caso resta altissima la pressione Covid all’interno dell’Annunziata. Sono ben 8 al momento i pazienti in pronto soccorso in attesa di ricovero (su 75 complessivi in stazionamento) mentre sono praticamente esauriti i posti nei reparti ordinari. Sono 8 invece al momento i ricoverati Covid in terapia intensiva.

D.M.