Mare sporco nel Vibonese, Lega: “Serve un radicale cambio di passo”

“Le numerose immagini postate da turisti e bagnanti sulle condizioni del mare, sporco e invaso da rifiuti di vario genere, riportano alla luce problemi mai risolti”

“Come commissione ambiente della Lega per la provincia di Vibo Valentia esprimiamo preoccupazione per la situazione che da qualche tempo si è creata lungo le nostre coste in contrasto ai risultati ottenuti dalle analisi dell’Arpacal che hanno certificato eccellenti le acque marine della Costa degli Dei“. Così il presidente della Commissione Ambiente Nazzareno Cricenti del coordinamento vibonese della Lega, che spiega: “Quella che era una splendida notizia per la nostra provincia e i nostri comuni costieri, fiore all’occhiello del turismo calabrese, si sta letteralmente ritorcendo contro. Le numerose immagini postate da turisti e bagnanti sulle condizioni del mare, sporco e invaso da rifiuti di vario genere, riportano alla luce tutti quei problemi che, purtroppo, ogni anno affliggono il nostro territorio e di cui non si è mai riusciti a trovare una soluzione definitiva. La salute del nostro mare é importante, non solo dal punto di vista ambientale, ma soprattutto in termini economici derivanti dai molteplici flussi turistici della nostra regione”. “Nei mesi scorsi ci siamo occupati delle criticità presenti in termini di depurazione delle acque – continua il leghista – e nonostante qualche buon risultato ottenuto siamo ancora lontani da quell’idea di avere un ambiente marino sano e pulito che porterebbe senza alcun dubbio risultati ancora più prestigiosi per la provincia (sarebbe un sogno puntare a conquistare molte più bandiere blu). Serve con urgenza un radicale cambio di passo: la realizzazione di un soggetto unico del sistema idrico integrato delle acque che va dalla captazione alla depurazione. Su questo la Lega ha fatto un passo in avanti molto importante in Sorical come società interamente pubblica, e siamo sicuri che la gestione dell’attuale commissario Cataldo Calabretta, con il concreto sostegno del nostro presidente regionale Spirlí vadano nella direzione giusta”.
“Un servizio così importante per l’economia turistica della nostra regione – conclude Cricenti – non può essere lasciato in mano ai comuni. Noi continueremo a lavorare per cercare di risolvere tutti quei problemi che presentano diversi punti critici, soprattutto dove la depurazione va ancora a rilento e alla foce di fiumi e torrenti. La progressiva ripresa dopo il periodo di pandemia passa soprattutto da qui, e noi siamo vicini ad enti locali e imprenditori del settore contribuendo a dare segnali positivi per il rilancio dell’economia vibonese”.