Tenta il suicidio la reggente dell’ufficio scolastico regionale indagata per corruzione

Capo del dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane del ministero dell’Istruzione, è ricoverata in condizione gravissime al Gemelli di Roma

Giovanna Boda, 47 anni, dirigente di prima fascia e capo del Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali del Ministero dell’Istruzione nonché coreggente dell’Ufficio scolastico regionale calabrese, indagata per corruzione, è ricoverata in condizione gravissime al policlinico Gemelli di Roma. La donna si è lanciata dal secondo piano di un appartamento a Roma. Secondo le prime testimonianze  pare che fosse sconvolta dopo la perquisizione della sua casa e di una soffitta in seguito all’indagine.