Rintracciati sul tirreno cosentino due ricercati, finiscono in carcere

A mettere a segno entrambe i fermi sono stati gli uomini del commissariato di Paola

Due ricercati arrestati nello stesso giorno nel cosentino. A mettere a segno entrambe i fermi sono stati gli uomini del commissariato di Paola, popolosa cittadina della costa tirrenica delle provincia bruzia. Il primo è un 28enne napoletano, R.L.V., ritenuto come un appartenente ad uno noto clan camorristico campano e rintracciato a Scalea, a casa di una donna. L’uomo deve scontare 9 anni di carcere per estorsione aggravata dal metodo mafiosa, così come stabilito dall’ufficio esecuzioni penali della Procura partenopea.
L’altro ricercato, invece, è un 49enne di Paola, che gli agenti di polizia giudiziaria e delle Volanti hanno rintracciato per le vie della città. Quest’ultimo deve scontare 3 anni e 2 mesi per un cumulo di pena, come stabilito dalla Procura locale. Il 28enne è stato dunque portato nella casa circondariale di Cosenza, il 49enne in quella di Paola.