“Passepartout”, il 24 luglio prossimo le decisioni del gup su Oliverio, Adamo, Occhiuto e gli altri indagati

Il pm ha chiesto non luogo a procedere per reato associativo

Processo “Passepartout”, chiesto il non luogo a procedere per quanto riguarda il reato di associazione per delinquere nei confronti di tutti gli imputati a cui era contestato, tra cui Nicola Adamo, Mario Oliverio, Luigi Zinno e Luigi Incarnato. Alcuni degli imputati hanno chiesto il rito abbreviato e per il processo inizierà davanti al gup il prossimo 23 ottobre. Per tutti gli altri, tra i quali Oliverio, Occhiuto, Adamo e Incarnato, il gup deciderà sulla richiesta di rinvio a giudizio il 24 luglio prossimo. Il pm della Procura di Catanzaro ha rinnovato la richiesta di rinvio a giudizio nei confronti dell’ex governatore della Calabria Mario Oliverio e del sindaco di Cosenza Mario Occhiuto, coinvolti nell’inchiesta Passepartout su presunte irregolarità in alcuni appalti a Cosenza, tra i quali quello della metropolitana leggera Cosenza-Rende e per la realizzazione del nuovo ospedale. Al centro dell’indagine, ci sono i bandi di gara per la costruzione del nuovo ospedale, della metropolitana di superfice e del Museo di Alarico, ma anche il ripristino della tratta ferroviaria turistica della Sila. Il prossimo 24 luglio le decisioni del gup di Catanzaro su tutte le richieste di accusa e difesa.