Via vai sospetto nel centro di Guardia, i carabinieri scoprono una casa chiusa

Arrestato un 48enne del posto per favoreggiamento della prostituzione

Se dovessero musicare questa storia non si potrebbe fare altro che pensare a Fabrizio De Andrè e alla sua “Bocca di Rosa”. Tutti si erano accorti che “non si trattava di un missionario”. Né tantomeno i militari della stazione dei carabinieri di Guardia Piemontese Marina che avevano notato un sospetto via vai in corrispondenza di un’abitazione nel centro del paese. Che il lavoro fosse quello “più antico del mondo” non c’erano dubbi. E quindi un approfondimento delle indagini portate avanti con una certa discrezione hanno consentito di fare luce su una attività di favoreggiamento della prostituzione, con protagoniste donne sudamericane, concretizzata dal “magnaccia”, un 48enne tra i centri urbani di Guardia Piemontese ed Acquappesa. L’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa, dal G.I.P. presso il Tribunale di Paola – Dott.ssa Maria Grazia Elia – su richiesta dei Sostituti Procuratori Dott.ssa Cerchiara e Dott. Verderese, coordinati dal Procuratore Dott. Pierpaolo Bruni, è stata eseguita nei confronti di O.M., 48enne del posto noto alle Forze dell’Ordine, ritenuto responsabile del reato di favoreggiamento della prostituzione. Le attività d’indagine, i successivi controlli ed il monitoraggio di siti internet dedicati ad incontri a carattere sessuale hanno permesso di appurare che l’uomo era il punto di riferimento delle prostitute per il reperimento di appartamenti da affittare, nei quali esercitare, ad insaputa dei legittimi proprietari, l’attività di meretricio. Terminate le incombenze di rito, O.M. è stato posto ai domiciliari.

Antonello Troya