Scacco al clan Perna-Pranno

Ventuno misure cautelari per “associazione di tipo mafioso”, ”associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti”, “tentata estorsione”, “detenzione e porto illegale di armi da fuoco”, “lesioni personali”, “ricettazione” e “furto”. Operazione della Procura distrettuale di Catanzaro

Dalla prima mattinata odierna, i militari del Comando Provinciale Carabinieri di Cosenza stanno dando esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal GIP di Catanzaro su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti dei 21 soggetti appartenenti a due diversi gruppi criminali, espressione della storica consorteria mafiosa “Perna-Pranno” operante in Cosenza, ritenuti responsabili, a vario titolo, di “associazione di tipo mafioso”, ”associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti”, “tentata estorsione”, “detenzione e porto illegale di armi da fuoco”, “lesioni personali”, “ricettazione” e “furto”.
I dettagli dell’operazione verranno comunicati nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle ore 11:00, presso il Comando Legione Carabinieri di Catanzaro, con il Procuratore Capo Nicola Gratteri, il Procuratore Aggiunto Vincenzo Capomolla e i vertici del Comando Provinciale Carabinieri di Cosenza.