Operazione “Fiamme del tavoliere”, cinque misure cautelari

Gli indagati, tra Trebisacce e Cassano, sono ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di “estorsione”, “tentata estorsione”, “lesioni personali”, “furto in appartamento”, “danneggiamento seguito da incendio”, “incendio”, “resistenza a p.u.” e “spaccio di sostanze stupefacenti”

Dalle prime luci dell’alba, in Trebisacce e Cassano all’Ionio, i militari della Compagnia Carabinieri di Corigliano Calabro, supportati da personale della CIO del 14° Battaglione Calabria e da unità cinofila dello Squadrone Eliportato “Cacciatori” di Calabria, stanno eseguendo due ordinanze applicative di misure cautelari, emesse dai GIP presso il Tribunale di Castrovillari e presso il Tribunale per i Minorenni di Catanzaro. Gli indagati sono ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di “estorsione”, “tentata estorsione”, “lesioni personali”, “furto in appartamento”, “danneggiamento seguito da incendio”, “incendio”, “resistenza a p.u.” e “spaccio di sostanze stupefacenti”.
I dettagli dell’operazione saranno resi noti con un successivo comunicato stampa ed eventuali dichiarazioni potranno essere rilasciate dal Cap. Cesare Calascibetta, comandante della Compagnia di Corigliano Calabro.