Omicidio 27enne, fermo cugino vittima

Svolta nelle indagini sull’omicidio di Francesco Palmieri, il 27enne ucciso nella serata di ieri a Paravati di Mileto nel vibonese con un colpo di fucile calibro 12 alla testa. I carabinieri di Mileto e della Compagnia di Vibo Valentia, coordinati dal pm di Vibo Concettina Iannazzo, hanno sottoposto a fermo Nicola Polito, di 33 anni, cugino della vittima, già noto alle forze dell’ordine. Ad attivare i soccorsi, risultati poi vani, sarebbe stato lo stesso Polito, la cui versione non ha convinto gli investigatori. Le successive perquisizioni hanno consentito di trovare, in un’abitazione nella disponibilità del fermato, l’arma del delitto, un fucile con matricola punzonata e 27 cartucce analoghe a quella utilizzata per il delitto. Sequestrato un panetto di hascisc di 163,50 grammi. E proprio un debito non saldato per l’acquisto di droga, secondo gli investigatori, potrebbe essere il movente. Oggi il procuratore Camillo Falvo e il pm hanno interrogato altre persone la cui posizione è al vaglio.