“Il paziente 1 deceduto non era positivo al Coronavirus”

Smentita dell'azienda ospedaliera di Cosenza

“Il tampone del paziente 1 calabrese, deceduto nella giornata di ieri proveniente dal lodigiano, non è positivo come erroneamente riferito da alcuni organi di stampa e il decesso non è direttamente correlabile al coronavirus”. A riferirlo in una nota ė l’azienda ospedaliera di Cosenza.
Come si ricorderà era stato dimesso dalla UOC Malattie Infettive per proseguire il percorso di cura in UTIC-Cardiologia, relativamente alla altre numerose e gravi comorbidità, correlate in primis, alle problematiche cardiologiche pregresse. “Il paziente immunodepresso e gravemente compromesso, ha subito un deterioramento repentino del quadro clinico che – riferisce l’ospedlae – non ha consentito di eseguire il già programmato intervento per l’impianto di pace maker”.
“In relazione al possibile rischio contagio, vale rammentare che – puntualizza l’Ao – al momento, la sorveglianza sanitaria messa in atto dall’Azienda sul personale ha, allo stato risultati del tutto soddisfacenti, in quanti i 472 tamponi effettuati fino ad oggi, sono tutti negativi”.
In linea con le rigorose verifiche di sorveglianza sanitaria in atto, gli operatori dell’equipe UTIC-Cardiologia che peraltro, hanno già effettuato un primo controllo risultato negativo, saranno, comunque, sottoposti ad ulteriori azioni di monitoraggio.