Protesta dipendenti Cup Cosenza, Tar concede sospensiva

Il Boccata d’ossigeno per i 54 lavoratori del Centro unico di prenotazione (CUP) che da giorni stanno protestando presso l’ospedale di Cosenza in maniera eclatante, a causa del mancato rinnovo del loro contratto. A sole 24 ore dalla scadenza del contratto che riguarda la cooperativa Seatt, di cui sono tutti soci, arriva una sospensiva del Tar che decreta che il contratto debba intendersi valido finché l’Azienda Ospedaliera non procederà ad una nuova gara di appalto per l’aggiudicazione dei servizi esternalizzati. Questo consentirà ai lavoratori di continuare a svolgere le loro mansioni in attesa di ottenere una clausola di salvaguardia al momento del subentro della nuova ditta aggiudicataria dell’appalto. In questo modo si evita anche la sospensione dei servizi di prenotazione rivolti ai cittadini. Nei giorni scorsi i lavoratori sono saliti sul tetto della struttura dove lavorano e hanno anche occupato alcune strade cittadine.