Perseguita ex compagna nonostante condanna, arresto a R. Calabria

 Era stato già condannato negli ultimi 5 anni per violenze consumate ai danni dell’ ex compagna, ma evidentemente non era bastato. La squadra mobile di Reggio Calabria, a conclusione di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica, ha eseguito oggi nei confronti di un 38enne della città calabrese dello Stretto, L.A., un’ordinanza di custodia cautelare in carcere. L’uomo è ritenuto responsabile di maltrattamenti in famiglia ai danni della sua ex compagna.

Le indagini hanno consentito di far luce su un vicenda familiare caratterizzata da abituali episodi di maltrattamenti in famiglia con ripetute ingiurie e minacce di morte proferite personalmente dall’uomo o mediante l’invio di messaggi di testo alla madre di suo figlio durante la loro relazione, “cagionandole scrivono gli inquirenti – penose condizioni di vita, lesive dell’integrità morale e del decoro della medesima”.

L’uomo, anche al termine del rapporto sentimentale, aveva posto in essere condotte vessatorie ai danni della vittima, seguendola e tamponandola con la sua autovettura, aggredendola fisicamente e perseguitandola in tutti i luoghi da lei frequentati.    Alla luce delle risultanze investigative acquisite dalla Squadra Mobile, il Gip del Tribunale di Reggio Calabria, accogliendo le richieste della procura, ha emanato nei confronti dell’uomo un provvedimento restrittivo di custodia cautelare in carcere, immediatamente eseguito. L’uomo, al termine delle formalità di rito in Questura, è stato condotto nella casa circondariale della città dello Stretto.