Punto nascita di Cetraro, prove tecniche di “fuga di massa”

Sono almeno 3 i medici che hanno chiesto il trasferimento

Sono 3 i medici che hanno chiesto il trasferimento da ostetricia e ginecologia di Cetraro a Cosenza e vi è anche un quarto che vorrebbe mettersi in aspettativa dalle parti di Vibo. Se non è prova generale di fuga di massa dal reparto di Cetraro poco ci manca. Reparto che, come è noto, ha il punto nascita sospeso per ora. Punto nascita che già in funzione faceva registrare meno di 500 parti l’anno, standard minimo di qualità al di sotto del quale non dovrebbe proprio esistere. Facile immaginare che con questa sospensione il 2019 farà registrare numeri ancora più bassi e con ancora meno stardard di qualità. Da quanto si apprende l’ospedale di Cosenza non avrebbe dato parere favorevole per ora al trasferimento richiesto dai 3 medici del reparto di Cetraro. Ci sarebbe, anzi c’è, il primario da nominare primo in graduatoria ma non è semplice allettare un medico che sa di dover dirigere un reparto che si sta svuotando e con un punto nascita sospeso.