Via libera dall’Uruguay all’estradizione Morabito

Secondo i media, i legali faranno ricorso a Corte Suprema

Il boss della ‘Ndrangheta Rocco Morabito, ricercato in vari paesi del sud America dove aveva interessi, dopo mesi di intense attivita’ di cooperazione internazionale ed intelligence, fotografato dalla polizia dopo il suo arresto in Uruguay, 4 settembre 2017.
ANSA/POLIZIA EDITORIAL USE ONLY
.

Un tribunale penale di Appello dell’Uruguay ha confermato l’estradizione in Italia di Rocco Morabito, boss della ‘Ndrangheta calabrese, ‘most wanted’ negli Stati Uniti e condannato in contumacia dalla magistratura italiana a 30 anni di carcere. Lo ha appreso l’ANSA da fonte a conoscenza dei fatti. Arrestato nel settembre 2017 in un hotel di Montevideo dopo 23 anni di latitanza, Morabito (53 anni) – riferisce sulla sua pagina online il settimanale Busqueda – era agli arresti in attesa di un processo per falsificazione di documenti. Il pregiudicato ha ingaggiato nei mesi scorsi una battaglia legale con la magistratura locale per evitare l’estradizione, ed ora, riferisce il portale uruguaiano Subrayado, i suoi legali presenteranno un estremo appello alla Corte Suprema.