Uccise la figlia di sette mesi, assolta in Appello

Confermata l'incapacità di intendere e di volere di Giovanna Leonetti

Tre anni fa Giovanna Leonetti uccise, in preda a un raptus depressivo, con un cuscino sul volto Marianna, la sua bimba di sette mesi appena. I giudici, dopo averla assolta già in primo grado per l’evidente incapacità di intendere e di volere, l’hanno assolta ancora, ieri mattina, in Corte d’assise d’appello. Un verdetto d’innocenza chiesto dai suoi legali, gli avvocati Marcello Manna e Giuseppina Pezzi.