Migrante morto, gli amici: lo hanno ucciso

Hanno un sospetto gli amici di Suruwa Jaiteh, il giovane morto nella tendopoli di San Ferdinando. Che l’incendio in cui è ha perso la vita il diciottenne possa essere stato appiccato da qualcuno. «Ieri sera – raccontano due di loro – due persone che vivono nel campo sono venute a cercarlo. Quando è stato chiesto loro perché, hanno risposto: ‘niente, niente’, e se ne sono andati. Poco dopo è scoppiato l’incendio». I loro dubbi i migranti hanno intenzione di manifestarli anche alle forze dell’ordine. «Adesso andiamo a parlare con la polizia» dicono, e se ne vanno. 
(ANSA)