Truffe, pranzo studenti pure ad agosto. Indagine su mense Catanzaro

A pranzo come studenti universitari, ad agosto, nonostante le attivita’ didattiche fossero sospese. Anomalie riscontrate subito dagli uffici dell’Universita’ Magna Graecia di Catanzaro, facendo scattare l’indagine che ha gia’ portato, dal punto di vista amministrativo, al ritiro di una cinquantina di tessere utilizzate dagli studenti per i pasti nei locali convenzionati. Secondo quanto riporta Gazzetta del Sud, i responsabili di due esercizi di ristorazione ora sarebbero formalmente indagati. La ricostruzione e’ semplice: nel mese di agosto, nonostante le lezioni fossero sospese, una cinquantina studenti avrebbero pranzato regolarmente sempre negli stessi locali, sempre nello stesso numero. I carabinieri avrebbero gia’ accertato che ad agosto molti degli studenti risultati a pranzo non si trovavano a Catanzaro, ne’ a quell’orario ne’ tantomeno a cena; sarebbero dunque stati chiesti, da parte dei titolari delle strutture convenzionate indagati, rimborsi per pasti mai realmente forniti per ottenere un indebito vantaggio economico.