“Lucano ha occultato e distratto milioni di euro”

Il pm di Locri torna all'attacco sulla parte dell'inchiesta relativa ai fondi

 Il sindaco di Riace, Mimmo Lucano, “ha distratto milioni di euro, mancata rendicontazione”.

E “la malversazione e’ questa, quando non spendo per i fini per i quali ho ottenuto le somme ma li ho distratti per altri fini, le ho occultate, le ho portate da un’altra parte”. Lo ha detto Luigi D’Alesso, pm della procura di Locri, parlando alla Zanzara su Radio 24 a proposito della vicenda che ieri mattina ha portato Lucano agli arresti domiciliari.
“Disobbedienza civile alla Pannella? Non confondiamo la lana con la seta. Pannella ebbe atteggiamenti di disobbedienza civile, qui e’ un comportamento protratto per molto tempo diretto a procurare e occultare denaro, somme anche rilevanti. Sono cose completamente diverse”, dice il pm. Aggiungendo che il reato di umanita’ “nel codice non esiste, non l’ho trovato. Ma puo’ essere un’attenuante. Non e’ che quando si commette un reato per motivi di particolare valore morale e sociale un reato non e’ piu’ tale, sempre reato resta”.

Per il magistrato della procura di Locri “le leggi non possono essere eluse perche’ lo avrebbe fatto per motivi umanitari, che poi e’ tutto da vedere”. E in merito alle critiche secondo cui avrebbe seguito il clima che c’e’ nel Paese nei confronti degli immigrati il pm precisa che “questa inchiesta la conduco da quando c’era il governo precedente. Non accetterei condizionamenti da nessuno”. “Non si puo’ dire me ne frego della legge e faccio quello che voglio – dice ancora il pm – soprattutto perche’ se lo facciamo passare a Lucano poi lo dovremmo fare con chiunque altro non ci piaccia. Le leggi non possono essere bypassate da chi ci piace”. Lei ha definito Riace uno Stato nello Stato: “Stato nello Stato, una Repubblica autonoma, un porto libero. Fate voi. Noi non possiamo consentire che vengano violate le leggi”. E se Saviano ha detto che andiamo verso un sistema autoritario, il magistrato replica “Sistema autoritario? Non sono l’arma bianca di nessuno. Faccio solo il magistrato”. “Il sistema Riace – dice D’Alessio – in astratto era una bella storia, ma se la si attua violando la legge non va piu’ bene. Ma l’ha rovinata Lucano, non io”. Infine, una stupidaggine – per il pm – sostenere che Lucano e’ agli arresti mentre fuori ci sono gli ‘ndranghetisti, “qui a Locri stiamo processando piu’ di 100 mafiosi”.