‘Ndrangheta, quattro arresti e quattro denunce

?
Tre arresti in flagranza di reato, uno su mandato della magistratura, quattro persone denunciate a piede libero e una piantagione di canapa indiana scoperta. E’ il bilancio di controlli straordinari dei carabinieri di Locri nei giorni scorsi attraverso le compagnia di Bianco, Locri e Roccella Jonica. Eseguite anche perquisizioni personali e domiciliari nei confronti di pregiudicati inseriti nelle cosche di ‘ndrangheta territoriali. Denunciato un indiano di Locri, il 58enne S.J., per aver provocato un incendio che ha interessato circa 4 ettari di macchia mediterranea; ad Ardore, dopo una indagine nata dalla denuncia di un 37enne del posto, arrestato Mia Rony, 19enne di origine Bangladese senza fissa dimora, che deve rispondere di danneggiamento aggravato per aver usato una spranga di ferro contro un distributore automatico di sigarette; a Careri arrestato Giovanni Panaia, 43enne residente a Benestare, che era ai domiciliari quando e’ stato sorpreso dai militari dell’Arma in giro per le vie cittadine; a Caraffa del Bianco arrestato M.R.G., 59enne, per detenzione di arma clandestina, dato che nella sua abitazione aveva una pistola semiautomatica calibro 22 con matricola abrasa, in buono stato di conservazione, nascosta in un ricovero per cani; a Bovalino arrestato Giuseppe Agui’, 38enne destinatario di un provvedimento restrittivo emesso dalla Procura Generale di Reggio Calabria per la violazione agli obblighi a cui era sottoposto; a Stilo denunciati i coniugi S.I., 37 anni, e M.R., 34 anni, per furto di energia elettrica; a Riace denunciato R.C., 40enne titolare di un negozio, sempre per furto di energia elettrica; a Placanica trovata e sequestrata tra la fitta vegetazione una piantagione costituita da 120 piante di canapa indiana, alte circa 175 cm, la cui irrigazione era garantita da un sistema a cascata.