‘Ndrangheta, operazione dei carabinieri nel Crotonese: 11 arresti

Dalle prime ore dell’alba, in provincia di Crotone, i carabinieri della Compagnia di Petilia Policastro stanno dando esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip di Catanzaro su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 11 indagati ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione mafiosa di tipo ‘ndranghetistico, omicidio, detenzione e porto illegale di armi, estorsione, ricettazione, falsita’ ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici, abuso d’ufficio e vari danneggiamenti e uccisioni di animali.
Undici ordinanze di custodia cautelare in carcere, 10 delle quali eseguite, e quattro denunce, per complessivi 15 indagati. Sono i numeri dell’operazione”Trigarium” con cui i carabinieri della Compagna di Petilia Policastro, su disposizione della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro, hanno disarticolato una cosca di ‘ndrangheta attiva a Roccabernarda, nel Crotonese. In manette sono finiti Antonio Santo Bagnato (50 anni), Giuseppe Bagnato (31), Maurizio Bilotta (37), Antonio Cianflone (47), Domenico Iaquinta (37), Gianluca Lonetto (34), Antonio Marrazzo (53), Michele Marrazzo (33), Mario Riccio (68), Emanuele Valenti Carcea (33): un undicesimo indagato destinatario dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere e’ ricercato all’estero. Le accuse nei confronti degli indagati vanno dall’associazione mafiosa di tipo ‘ndranghetistico, all’omicidio, detenzione e porto illegale di armi, estorsione, ricettazione, falsita’ ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici, abuso d’ufficio e vari danneggiamenti e uccisioni di animali.