Operazione “I mercanti dell’arte”: sequestrati 46mila euro in opere e conti correnti 

Il provvedimento, che rappresenta l’epilogo di un’ampia e complessa indagine, è stato eseguito questa mattina dalla Guardia di Finanza di Reggio Calabria

All’esito di mirati accertamenti svolti per reati societari nei confronti dei titolari di una società esercente l’attività di commercializzazione di opere d’arte operante sul territorio nazionale, dichiarata fallita dal Tribunale di Reggio Calabria, i militari del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria nella mattina di oggi hanno dato esecuzione ad un’ordinanza che ha disposto il sequestro preventivo finalizzato alla confisca di 46mila euro detenuti presso conti correnti intestati ad una seconda società con cui i sodali hanno proseguito le attività di commercio di opere d’arte in continuità con la fallita.
Epilogo dell’indagine del 30 aprile.
Il provvedimento, a firma del Gip del Tribunale di Reggio Calabria, Vincenzo Quaranta, su richiesta della Procura della Repubblica di Reggio Calabria diretta dal procuratore capo Giovanni Bombardieri, nell’ambito di un’operazione coordinata dal procuratore aggiunto Gerardo Dominijanni e dal sostituto procuratore Nunzio De Salvo, rappresenta l’epilogo di una più ampia e complessa indagine condotta dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, che già lo scorso 30 aprile aveva provocato l’adozione da parte della medesima autorità giudiziaria di un provvedimento di applicazione di misure interdittive nei confronti di 3 soggetti residenti nelle provincie di Reggio Calabria, Cosenza e Pisa, comportante il divieto temporaneo di esercitare le attività di impresa, nonché il sequestro preventivo finalizzato alla confisca di oltre 1 milione di euro in quanto resisi responsabili, a vario titolo, del reato di bancarotta fraudolenta per distrazione e documentale e di autoriciclaggio. Sequestro di opere d’arte.
Nella stessa circostanza, in seguito alle perquisizioni disposte, tra le altre, presso una abitazione ed un immobile siti in Marano Marchesato (CS), riconducibili a due dei tre indagati, era stato trovato un “tesoretto” composto da 86 opere d’arte e tomi da collezione e opere bidimensionali. In tale occasione i finanzieri avevano proceduto ad un sequestro d’urgenza d’iniziativa cautelando le opere con modalità di rito e mettendole a disposizione dell’autorità giudiziaria competente. Tale misura è stata successivamente condivisa dell’autorità giudiziaria della Procura della Repubblica di Cosenza, e successivamente convalidata dal Gip presso il Tribunale di Cosenza.
L’impegno della Gdf contro i crimini economici.
Il provvedimento cautelare eseguito evidenzia la costante azione della Guardia di Finanza nella ricerca e repressione dei più gravi crimini di matrice economico – finanziaria e nell’aggressione dei patrimoni illecitamente accumulati, nel cui ambito il Corpo persegue obiettivi di contrasto ai reati fallimentari, allo scopo di restituire quanto dovuto a tutti i creditori della società fatta fallire illegalmente.