S’è rischiata una “Sea Watch” calabrese

Odissea (quasi) finita per i 250 passeggeri a bordo: la ‘Egnazia’, la nave traghetto della compagnia Grimaldi, è ripartita ed è in navigazione verso Catania, dove conta di attraccare intorno alle 18.

Partito da Salerno, avaria nella notte
Partito la notte scorsa da Salerno e diretto a Catania, l’Egnazia è rimasto per ore bloccato in mare. L’avaria e’ stata segnalata da diversi passeggeri a bordo che ricostruiscono quello che hanno definito “un’odissea”, denunciando di “avere paura” e di “non avere avuto assistenza, ne’ informazioni dall’equipaggio, ne’ dal comandante”.

Motori ripartiti ”
I motori sono ripartiti e la nave è in movimento: ci hanno detto che arriveremo a Catania alle 18″. Arriva da uno dei passeggeri della ‘Egnazia’, della compagnia Grimaldi, la notizia che l’avaria meccanica è stata risolta mentre era al largo delle coste Tirreniche della Calabria.

Tirano un sospiro di sollievo i 250 passeggeri a bordo, anche se la rabbia non è ancora stata smaltita. “Nessuno ci ha avvisati nella notte – affermano altri passeggeri – verso le 4 all’improvviso si sono spente luce e aria condizionata e l’acqua non è più arrivata. Soltanto dopo le nostre rimostranze ci hanno dato acqua e caffè ed e sceso a parlare con noi un vice comandante. Ci ha detto che il ritardo di tre ore nella partenza non era da collegare a quello che è accaduto nella notte in mare, ma ovviamente nessuno di noi ci crede….”.