‘Ndrangheta: Crotone, 6 immobili confiscati destinati a famiglie

Sei immobili confiscati alla ‘ndrangheta sono stati assegnati dal Comune di Crotone ad altrettante famiglie. Le attivita’ dell’amministrazione sono state presentate questa mattina, nella sala Giunta, nel corso di una conferenza stampa dal sindaco Ugo Pugliese e dall’assessore alle Politiche Sociali, Alessia Romano, presente il funzionario comunale Salvatore Campagna. “Il principio di legalita’ non si enuncia, si attua quotidianamente. Questo e’ il filo conduttore della nostra azione amministrativa” ha detto il sindaco Pugliese.

   “Dal suo insediamento – ha aggiunto l’assessore Alessia Romano – l’amministrazione ha riorganizzato e regolamentato un settore fondamentale nel segno della legalita’ e della trasparenza.Il punto di partenza e’ stata l’approvazione del regolamento per l’affidamento dei beni immobili confiscati alla criminalita’ organizzata che ha consentito di procedere ad una ricognizione del patrimonio immobiliare disponibile e poi di redigere un elenco che e’ stato reso pubblico. Si e’ trattato di adempimenti e provvedimenti che stanno gia’ portando importanti risultati in termini di aiuto e di supporto alle fasce deboli della societa’”.

Gia’ sei immobili, dislocati in vari punti della citta’, sono stati assegnati ad altrettanti nuclei familiari. Inoltre e’ stato pubblicato l’avviso per l’affidamento in concessione ad associazioni, cooperative ed organizzazioni che si occupano di sociale di un bene immobile confiscato alla criminalita’ ed assegnato al Comune, in viale Magna Grecia, di 164 metri quadrati che sara’ utilizzato per finalita’ sociali. In questo momento sono in corso, in sinergia con l’assessorato ai Lavori Pubblici, i lavori di riqualificazione del “Centro Evita”, altro immobile sequestrato alla criminalita’, che sara’ successivamente oggetto di analogo bando per l’utilizzo a scopi sociali.Inoltre l’amministrazione ha ottenuto, a seguito di una richiesta all’Agenzia Nazionale per l’amministrazione e destinazione di beni sequestrati e confiscati alla criminalita’ organizzata, un’autovettura che fara’ parte del patrimonio comunale.

   “L’amministrazione – ha concluso l’assessore Romano – ha programmato queste attivita’, ribadendo la vicinanza alle associazioni che operano nel settore, con l’unico obiettivo di mettere questi beni a disposizione della comunita’. Sono azioni che concretizzano il concetto di politiche sociali, che mirano a rinforzare il tessuto sociale, che danno contenuto alle parole assistenza, legalita’ e giustizia”.