Nel fine settimana il congresso Pd di Rende

“Nel prossimo fine settimana, verrà celebrato, finalmente, il congresso cittadino del Circolo PD di Rende. Sarà un momento importante, dove avremo la possibilità di rimettere in moto una realtà politica complessa ed allo stesso tempo centrale nella ricostruzione in Città di un centrosinistra ampio, inclusivo ed attento alle esigenze dei più deboli. Da portavoce del PD rendese, insieme agli altri membri del coordinamento, abbiamo cercato ed intrapreso un percorso attivo e propositivo per rivitalizzare il Partito Democratico in Città,
Abbiamo cercato, nonostante il periodo di transizione degli organi dirigenziali sia provinciali che regionali, di fornire al Circolo una precisa linea politica fatta di trasparenza e chiarezza.
Proprio per questo impegno riposto nella ricostruzione del PD nella nostra amata città ho deciso di partecipare alla mozione congressuale a sostegno del compagno Francesco Adamo, l’unica a mio avviso, che incarna i valori di rinnovamento e ricostruzione. L’unica capace di garantire visione ed autonomia politica, partecipazione, concretezza e coerenza; insomma di tutelare i principi basilari della democrazia e del Partito Democratico.
Infine, ritengo di fondamentale importanza la nascita di una rappresentanza consiliare del Partito Democratico all’interno dell’assise rendese, in quanto, in una Città come la nostra, centro nevralgico sociale, economico e culturale dell’area urbana cosentina, l’assenza di un gruppo consiliare del PD pesa come un macigno alla vita stessa del Partito. Fatto assai strano che non esista ancora, se pensiamo che due dei tre contendenti, per la segreteria cittadina siedono in consiglio comunale, tra i banchi di una maggioranza nata di centrodestra e divenuta forse col tempo di centrosinistra (?).
Auspico che gli iscritti possano considerare la proposta di Francesco Adamo e la sua mozione anche in virtù del lavoro che ho svolto e che svolgerò nel Partito, sempre al servizio della Città e a difesa degli ultimi. Francesco certamente, rispetto alle altre proposte rispecchia le radici di una sinistra democratica che per un segretario di circolo sono imprescindibili, ancor di più per quello rendese, vista la storia della città”.
Francesco Midulla, Direttivo Innova Rende