Puliservices, lavoratori senza stipendio. I sindacati: gli enti attuino la surroga

L'impresa paga l'insolvenza della Manital Spa. L'appello dei sindacalisti Annalisa Assunto (Filcams Cgil), Angelo Scarcello (Fisascat Cisl) e Carlo Forlano (UilTrasporti)

Continuano i disagi per i lavoratori della Puliservices Srl. L’impresa di pulizie gestisce in Calabria in regime di consorziata una serie di commesse affidate a seguito di gare aggiudicate dalla Manital , azienda del Nord Italia che a causa del grave stato di insolvenza in cui si trova, da poche settimane è in amministrazione straordinaria. “Tutto ciò ha avuto e continua ad avere ripercussioni fortemente negative sulle aziende che gestiscono in subappalto commesse Manital, tra cui proprio la Puliservices Srl che non riesce a garantire la puntualità nel pagamento delle spettanze ai lavoratori i quali vantano un credito insoddisfatto che registra da un minimo di uno stipendio sino ad un massimo di tre mensilità a secondo dei diversi appalti”. Questo è ciò che denunciano i segretari  Annalisa Assunto (Filcams Cgil), Angelo Scarcello (Fisascat Cisl), Carlo Forlano (UilTrasporti) Non potendo far fronte a questa situazione, dal 9 gennaio scorso la Puliservice ha prodotto formale comunicazione di rescissione in qualità di socio consorziato alla Manital per i servizi di facility management degli immobili ad uso ufficio delle pubbliche amministrazioni. “Solo alcuni enti pubblici quali l’ Inail, l’Arpacal e l’Equitalia, sensibili al problema ed alle ricadute sociali, su richiesta della stessa Puliservices s.r.l – dichiarano Assunto, Scarcello e Forlano – hanno provveduto al pagamento diretto in favore dei lavoratori attraverso la procedura della surroga. “Altre amministrazioni pubbliche tra cui Provincia, Inps e Centro per l’Impiego, pare invece  – spiegano i sindacalisti di Filcams, Fisascat e UilTrasporti –  non abbiano invece accolto pari richiesta per tecnicismi nei contratti non meglio esplicitati aggravando la situazione dei lavoratori che nonostante il mancato stipendio continuano a lavorare prestando il loro servizio in modo dignitoso e con grande senso di sacrificio e abnegazione”. “Questa scelta non può che lasciarci delusi poiché la surroga dei pagamenti direttamente ai lavoratori è un atto che non comporta nessuna spesa aggiuntiva e non ha profili di rischio. Laddove è stata impiegata – dichiarano i tre –  ha fornito una risposta rapida ed efficace ad una situazione di estrema difficoltà a carico di famiglie in molti casi monoreddito che vivono sulla soglia di povertà”. Le organizzazioni sindacali auspicano che anche le Direzioni degli Enti Provincia, Inps e Centro per l’Impiego possano trovare le forme ed i modi giuridicamente corretti per procedere al pagamento delle fatture dovute per i servizi di pulizia prestati direttamente alla Puliservices s.r.l anziché al Consorzio Manital Idea oppure procedere nel pagamento diretto dei lavoratori. Se altri Enti Committenti hanno potuto è evidente che la possibilità esiste.

Per tale motivi le organizzazioni sindacali hanno proclamato uno stato di agitazione dei lavoratori; diverse sono state le assemblee dei lavoratori nei diversi Enti interessati al problema perché la necessità di affrontare in maniera strutturale il continuo problema degli stipendi a “ singhiozzo” negli appalti dev’essere risolto in maniera definitiva.

Le organizzazioni sindacali precisano che se non si dovessero avere risposte certe ed adeguate nell’immediato verrà attivata ogni forma di mobilitazione al fine di tutelare i diritti di lavoratori che svolgono un servizio importante per il decoro e il prestigio degli enti pubblici.