Accordo tra Rende ed Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

L'assessore alla Protezione civile Ziccarelli: "Scelta importante di innovazione e raccordo con gli enti di ricerca e Unical per monitorare il nostro fragile territorio"

“In merito ad alcune fallaci dichiarazioni fatte durante l’odierna assise comunale occorre fare chiarezza”: ad affermarlo l’assessore Domenico Ziccarelli in una nota stampa a proposito del recente accordo quadro firmato dal comune di Rende con l’Istituto Nazionale di geofisica e Vulcanologia. “Si è erroneamente affermato come la scelta di fornire all’ente di ricerca una sede nella nostra città all’interno della sede Com fosse priva di senso. Ci dispiace dover spiegare l’ovvio, ma nono solo l’INGV è componente del dipartimento nazionale di Protezione Civile, ma per esso svolge anche attività di monitoraggio sismico, vulcanico e ambientale su tutto il territorio nazionale”, ha spiegato l’assessore. “Quello stipulato con l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia –ha affermato il sindaco Marcello Manna- deve essere motivo d’orgoglio per l’intera comunità e non certo terreno di polemiche sterili. L’INGV raccoglie in un unico polo le principali realtà scientifiche nazionali nei settori della vulcanologia e della geofisica, coopera con le università e altre istituti di ricerca nazionali e internazionali. Per questo è considerato attualmente la più grande istituzione europea in questo campo di ricerca: un prestigio per Rende, dunque, formalizzare un accordo quadro che vedrà la nostra città non solo cooperare con l’ente, ma anche fare da raccordo con l’Università della Calabria in un dialogo che vede territorio ed enti di ricerca dialogare in maniera sinergica”. “La sede Com –ha concluso l’assessore Ziccarelli- rappresenta un polo in cui far convergere e collaborare gli enti che quotidianamente si occupano di protezione civile. Nell’intento di questa amministrazione, infatti, c’è proprio quello di realizzare un modello innovativo in campo di educazione, formazione e prevenzione in campo di rischio idrogeologico e sismico. La nostra è terra che presenta le maggiori criticità da questo punto di vista ed è per questo che informare la popolazione su tali temi significa dare l’opportunità ai cittadini di essere in grado di affrontare le eventuali situazioni di emergenza”. L’assessore alla Prociv ha poi anticipato che: “Anche la locale Croce Rossa Italiana avrà il suo spazio all’interno della sede Com in quanto associazione iscritta all’Albo regionale di Protezione Civile: siamo certi che anche questo ente darà il proprio competente supporto alla nostra città”.