Casali del Manco, Curcio lascia e subentra Marasco

Il Consigliere comunale e portavoce del Movimento 5 Stelle, Peppino Curcio, in merito alle sue annunciate dimissioni, procede alla formalizzazione delle stesse dopo aver partecipato alla Commissione Bilancio e non aver fatto mancare la voce e le proposte del Movimento.
Subentrerà al suo posto Pietro Marasco, il primo degli eletti all’interno della lista che ha concorso alle elezioni comunali. Sarà questo il primo punto all’ordine del giorno del prossimo consiglio comunale del 30 marzo, così come prevede la legge.
“Il Movimento 5 Stelle ha sempre considerato incompatibili ogni interesse personale con i ruoli istituzionali ricoperti dai propri aderenti e, nel rispetto di questo principio per me inderogabile, è doveroso fare un passo indietro e rassegnare le mie dimissioni: l’esistenza nel DUP di una esplicita citazione alla valorizzazione di Pratopiano e del Museo da me allestito dedicato a Cesare Curcio, mio padre, mi porta da un lato a un impegno aggiuntivo per dare al paesaggio di Pratopiano la visibilità e lo sviluppo che merita, dall’altra a non intralciare o anche solo far coincidere in alcun modo, il ruolo istituzionale di Consigliere con l’attività lavorativa futura che dovrò riavviare a Pratopiano. La questione, del resto, è stata oggetto dell’ordine del giorno di diverse riunioni del Movimento negli ultimi due mesi. Rimango comunque a fare politica con passione nel gruppo di persone che ha creduto in me e mi ha sostenuto nella dura campagna elettorale.” -Lo dichiara Peppino Curcio in una nota- “Sono soddisfatto del contributo fattivo che ho dato alla nascita del nuovo Comune e alla redazione dello Statuto Comunale ben lieto di continuare a dare, comunque, il mio contributo come semplice cittadino alla prospettiva, tutta ancora da costruire, del nuovo comune, non abbandonando lo spirito propulsivo del referendum che ha fuso i Casali del Manco.” – Prosegue l’ex consigliere – “Subentra al mio posto, Pietro Marasco, un amico, oltre che un cittadino attivo del Movimento 5 Stelle, con il quale continuerò un intenso rapporto di impegno politico dentro il Movimento. L’entusiasmo, che mette nelle cose che fa sarà il motore dell’opposizione al Consiglio per portare davvero a compimento la fusione dei comuni che abbiamo fortemente voluto. Una fusione orientata alla tutela dei cittadini più deboli, contro le violazioni dei diritti che riscontriamo quotidianamente, come la Guardia medica non accessibile ai disabili, la navetta che serve solo l’ex comune di Pedace, o l’adeguamento delle tariffe cimiteriali per evitare di pagare tariffe diverse a seconda di quale ex comune si era residenti o l’attenzione alla equità delle tassa comunali, argomento del prossimo Consiglio e della Commissione bilancio a cui ho appena partecipato.” – Curcio conclude – “Infine, proprio a dimostrare quanto sia deciso il mio impegno per la tutela della nostra montagna, non parteciperò dal pubblico al prossimo consiglio in quanto impegnato in un evento, proprio a Pratopiano, dedicato alle Giornate Gioachimite e all’unico modo con cui si può godere il paesaggio: camminando lungo i sentieri di cui il nostro nuovo comune è straricco. Nello Statuto, che ho collaborato a scrivere, i sentieri sono al centro dell’attenzione. Da cittadino e da persona che vuole mettere in atto quanto sta scritto nei progetti darò come sempre il mio fattivo contributo.”