Beni culturali, Santelli: su museo Alarico brutto pasticciaccio

“In Italia si applica la legge italiana non il codice grillino. Di questo chiederemo conto al Ministro Bonisoli attraverso un’apposita interrogazione parlamentare. Chiederemo anche al Ministro gli eventuali provvedimenti disciplinari che vorra’ adottare nei confronti dei suoi stessi dirigenti, di come lavorano i suoi uffici perche’ e’ davvero grave piegare degli uffici pubblici come quelli ministeriali ad una questione ideologica ed e’ quantomeno ridicolo se non patetico appellarsi ad un tavolo inesistente, che lo stesso Ministero avrebbe dovuto eventualmente convocare e non lo ha fatto”. Lo afferma Jole Santelli, in merito alla polemica sul museo di Alarico. “Vorremmo conoscere su quali basi, su quale tema – aggiunge – si fonda il provvedimento di annullamento d’ufficio in autotutela e senza preavviso, giacche’ il Comune ha rispettato la legislazione vigente, le norme previste dalla legge dello Stato e le procedure disciplinate dall’ordinamento. Insomma, un brutto pasticciaccio, nemmeno lontanamente degno di essere accostato nel titolo a quello gaddiano”