Cetraro, classe politica in affanno

  Mario Castiglia, responsabile dell’associazione “Unione delle Contrade” di Cetraro, partendo dall’aggressione verbale subita dal segretario cittadino del Pd, analizza in modo molto severo il contesto politico, sociale ed economico della città, auspicando un ricambio sostanziale e generazionale

Mario Castiglia

 Mario Castiglia, responsabile dell’associazione “Unione delle Contrade” di Cetraro, partendo dall’aggressione verbale subita dal segretario cittadino del Pd e prendendo spunto dagli ultimi avvenimenti relativi alla situazione politica locale, analizza in modo molto severo il contesto politico, sociale ed economico della cittadina tirrenica, auspicando, altresì, un ricambio sostanziale nella classe politica. Secondo Mario Castiglia, infatti, la tentata aggressione subita dal segretario del Pd impone a tutti una profonda riflessione sullo scadimento della politica nel nostro paese. L’intolleranza e l’arroganza sono atteggiamenti da stigmatizzare sempre, in ogni rapporto, a maggior ragione in quello politico.

“Da troppo anni, ormai – ha aggiunto il dirigente dell’associazione cetrarese – assistiamo a comportamenti indicibili da parte di alcuni protagonisti della vita politica e istituzionale , denotando uno spessore e una dignità pari allo zero. La situazione politica, economica e sociale nella quale versa Cetraro è sicuramente la dimostrazione più evidente dell’incapacità di questa classe politica. A questa incapacità certificata va addebitata anche la responsabilità della crisi politica in atto, che priva il paese dell’amministrazione”.

Infine, auspicando un nuovo senso di responsabilità da parte di tutti, ha concluso: “Spero che questa analisi sia condivisa da tutti i partiti, dalle associazioni e dai movimenti presenti sul territorio, partecipando in modo fattivo al fine di contribuire alla formazione di una nuova classe politica, capace di affrontare e risolvere gli annosi problemi. L’associazione “Unione delle Contrade”, come sempre, è pronta a dare il proprio contributo alla nascita di un progetto capace di assemblare le diverse realtà del territorio e puntare al rilancio economico e sociale di questo paese”.

CLELIA ROVALE