Catanzaro, Abramo: nessun rimpasto di giunta

  “Non ci sara’ alcun rimpasto di giunta: la maggioranza di centrodestra c’e’ ed e’ quella che si e’ cristallizzata con le elezioni provinciali dello scorso 31 ottobre, nonostante i consiglieri comunali Merante e Triffiletti abbiano preferito travalicarne il confine, senza adeguate motivazioni politiche, votando il candidato del centrosinistra. Sono stati loro a voler uscire dal recinto della coalizione, che era e rimane anche adesso ben definita”. Lo ha affermato il sindaco di Catanzaro, Sergio Abramo, che ha scelto di intervenire a 24 ore di distanza dall’ultima seduta del Consiglio comunale, nel corso della quale sono state varate importanti pratiche relative a due nuovi regolamenti, quello sugli appalti sotto soglia comunitaria e sulla Suac. Atti indispensabili per il corretto e legittimo svolgimento dell’attivita’ istituzionale dell’ente. Il sindaco ha aggiunto: “Le richieste avanzate in aula da Merante, che prima mi ha esplicitamente rivolto l’appello a rimodulare la giunta, poi si e’ abbandonato, ancora una volta, a una serie di attacchi nei confronti del vicesindaco Cardamone e degli altri assessori, mi inducono a ribadire la mia piena fiducia nell’operato di tutto l’esecutivo, con il quale lavoro gomito a gomito, quotidianamente e in piena sintonia”. Abramo ha proseguito: “Ho preso atto anche dell’invito che mi ha fatto Merante, e cioe’ quello di riprendere la leadership della maggioranza. Forse e’ il segno che, sia lui, sia Triffiletti, stanno tentando un riavvicinamento a quella stessa maggioranza che hanno messo in discussione alle elezioni provinciali. Pur essendo disponibile al dialogo, mi preme sottolineare che questo presunto tentato riavvicinamento non puo’ in alcun modo concretizzarsi se i due continueranno nel loro atteggiamento. E’ una questione di chiarezza e rispetto all’interno della stessa maggioranza, quella chiarezza che Forza Italia ha fatto al proprio interno. Se qualcuno ha pensato bene, qualche mese fa, di mettere in discussione la propria maggioranza, ora deve capire che un nuovo dialogo ci puo’ essere, ma questo deve essere condiviso, in maniera cristallina, con tutte le anime della coalizione di centrodestra”.