Lo stallo resta, non basta la telefonata

Berlusconi, Salvini e Meloni in contatto sul candidato per la presidenza della Regione, ma il nodo non si scioglie

Ancora fumata nera nel centrodestra per il candidato governatore in Calabria. Secondo fonti parlamentari azzurre non sarebbe bastata la conference call di oggi tra i leader Silvio Berlusconi, Giorgia Meloni e Matteo Salvini per sciogliere tutti i
nodi sul tavolo. A frenare l’accordo, in particolare, il caso Puglia.
La Lega, infatti, avrebbe espresso dubbi sul nome di Raffaele Fitto per la presidenza della Puglia, candidatura sponsorizzata da Giorgia
Meloni ma osteggiata dai leghisti pugliesi, per lo più parlamentari ex fittiani passati con il “capitano”. Di fronte a queste resistenze della Lega, Fdi avrebbe puntato i piedi e chiesto ancora una volta un accordo a 360 gradi che comprenda tutte le regioni al voto, non solo la Calabria. L’effetto domino, dunque, avrebbe complicato le trattative e riportato tutto alla casella zero. Non a caso Salvini ha annullato la conferenza stampa di domani dove avrebbe dovuto annunciare il passaggio alla Lega di alcuni azzurri, tra cui i fratelli De Lillo e Davide Bordoni.
In Calabria, in particolare, in mancanza ancora dell’ufficializzazione del candidato governatore resta il rischio di una spaccatura in Fi con
doppia candidatura, quelle di Jole Santelli e di Mario Occhiuto. Ma
c’è chi scommette che alla fine possa spuntarla un terzo, un mister x.