Oliverio difende Tansi,《attacchi furibondi contro di lui》

Il governatore si schiera dalla parte dell'ex capo della Prociv, oggetto 《di una campagna diffamatoria》

Il presidente della Regione Calabria non ha mai fatto mistero di stimare il capo della Protezione Civile Carlo Tansi, scelto per i suoi meriti e soprattuto perché aveva visto in lui l’uomo giusto per riorganizzare la Prociv calabrese. Tanto “da averlo mantenuto – dice – in quella postazione nonostante gli attacchi furibondi nei suoi confronti”.

Oliverio, ha sempre consigliato Tansi che nel presidente ha visto sempre un punto di riferimento: “Quando Tansi ha trovato problemi, anche riconducibili alla legalità, ed è venuto a rappresentarmeli, l’ho invitato – prosegue il governatore –  a consegnare tutte le carte in Procura dai magistrati”.

In merito alla sospensione per motivi disciplinare per Oliverio “Ci sono strumenti giuridici per opporsi a questa decisione che è stata adottata da un organismo terzo presieduto da un dirigente della Regione. Tutto questo non cambia la mia valutazione su Tansi”.

In merito al sostituto da nominare. “Prenderemo una decisione tenendo conto di quanto prevedono le leggi. Una riconferma di Tansi? Se il suo curriculum dovesse rivelarsi migliore di altri perché dovrei escluderlo?”. Afferma con fermezza il presidente.

Il presidente non nasconde nemmeno il dubbio che la sospensione di Tansi sia ad “orologeria”. “Lascio giudicare agli altri il fatto che la sospensione sia arrivata alla fine del suo mandato e alla vigilia della conclusione del mio”.