Assenteismo al Comune di Bova, cinque dipendenti sospesi

Numerosi dipendenti del comune, formalmente al lavoro, si assentavano ingiustificatamente recandosi a fare la spesa, al bar, anche per svariate ore.

Un’auto dei carabinieri

I militari della guardia di finanza della compagnia Melito Porto Salvo (ReggioCalabria) hanno eseguito un’ordinanza di misura cautelare della interdizione dai pubblici uffici per periodi variabili da 10 a 7 mesi nei confronti di cinque dipendenti pubblici in servizio presso il comune di Bova Marina.

Le indagini nei confronti di 22 indagati vertono intorno alle ipotesi di reato di false attestazioni o certificazioni nell’utilizzo del badge da parte di pubblici dipendenti, di truffa ai danni dell’ente comunale e interruzione di servizio pubblico, nonchè, per due indagati, di peculato in quanto usavano autovetture del predetto comune per fini privati.

Le indagini sono partite dalle lamentele di alcuni cittadini che spesso dovevano mettersi alla ricerca dei dipendenti comunali intenti alle loro faccende personali.

Numerosi dipendenti del comune, formalmente al lavoro, si assentavano ingiustificatamente recandosi a fare la spesa, al bar, anche per svariate ore. Su 25 impiegati effettivi, la percentuale di quelli sottoposti alle indagini è pari all’88%, e nel corso di circa 80 giornate lavorative sono state accertate 448 irregolarità nell’utilizzo del badge marcatempo, di cui 30 gravi.